Stations

Mostra fotografica del gruppo Internazionale“Progressive Street “

15 ottobre – 28 ottobre 2020

inaugurazione: 15 ottobre 2020, ore 18,30

ORARI MOSTRA: mar-ven 15,30 – 19 – sabato e mattina su appuntamento

Fran Balseiro, Stations

 

 

Gli ingressi alla mostra saranno contingentati nel rispetto delle norme di sicurezza
Sarà anche possibile visitare la mostra su appuntamento

 

Israele, Australia, Argentina, Lituania, Indonesia, Spagna, Inghilterra, Giappone, Italia…e ancora…tante sono le nazionalità dei fotografi che espongono a Gli eroici furori, all’interno del palinsesto Photofestival Milano 2020.
Nel mondo globalizzato, antiche o modernissime, affollate di giorno e vuote di notte, le stazioni sono luoghi carichi di memorie e di sentimenti tra chi torna dopo un lungo viaggio e chi ci lascia per intraprendere un tragitto, sporgendosi dal finestrino, lasciandoci con un gesto.
Il passaggio, il transito nelle Stazioni come luogo simbolico del passaggio della vita: è il senso dato dai trenta fotografi autori delle immagini che emergono da vari punti di vista, rese poi con colori squillanti o con fascinosi bianchi e neri, fissate  per sempre dall’occhio fotografico di ricerca.
Progressive Street” è una gang di fotografi, una galleria, un’agenzia e una casa editrice di riviste e libri. Dalle strade del mondo, gli occhi sulla realtà: gli standard professionali sono concentrati su tutti gli aspetti della vita, della cultura e della politica.
«Vogliamo lasciare una testimonianza sincera, senza contraffazione consumistica. Stiamo aumentando ogni giorno e continuiamo a condividere gli stessi ideali».

Shimi Cohen, Stations

Attraverso reportage e varie iniziative i fotografi del gruppo cercano di mostrare la quotidianità della vita senza cercare di sorprendere, aprendo una nuova finestra sulla scena, alla ricerca di qualcosa che le persone non possono vedere.
Fotografie come racconti, narrazioni e non scoop.  Ogni reportage è accompagnato da testi per l’identificazione dei luoghi, delle persone e del contesto che si è cercato di restituire con l’immagine.
Gli stili pur diversi dei fotografi in mostra sono tra loro  accomunati dal desiderio di fermare il segno del passaggio del tempo e dell’uomo.

Jay Tanen, Stations

 

 

Per rimanere in contatto !

Per rimanere in contatto !

Iscriviti alla mailing list per ricevere gli inviti alle mostre e agli eventi de gli eroici furori.

Grazie per esserti registrato, a presto !